Translate

martedì 31 dicembre 2013

Albero di Natale di pizza e antipasti

Idea last minutes per il cenone capodanno.. anche da portare in qualità di ospiti. Da fare al volo con quello che avete in casa. Se iniziate subito potete mettere a lievitare un po di pasta per la pizza, se no fate con quella già pronta o con la pasta sfoglia.. magari ne avete un rotolo (rettangolare) in freezer. Comunque io ho fatto la pasta della pizza, ma (con il senno di poi..) quella già pronta è tagliata a misura e si fa prima e meglio. Potete anche farla di una forma diversa "2014"  ad esempio..anche se vi serve il doppio della dose..

 Ingredienti:

500 gr di pasta per pizza (o un rotolo già pronto) 
1 barattolo di pomodori secchi (in alternativa pomodori freschi più possibile asciutti)
formaggio fresco spalmabile (o anche ricotta vaccina - asciutta)
2 zucchine (in alternativa spinaci anche freschi)
1/2 cipolla
olive di Gaeta
olio evo, sale e pepe


Mettete un padellino sul fuoco con un goccio d'olio e fate imbiondire la cipolla finemente tagliata. Quando è pronta buttateci dentro le zucchine grattugiate o tritate finemente. Stendete la pasta della pizza con forma più possibile rettangolare e spalmateci uno strato sottile di formaggio. Dividete a metà il rettangolo e mettete da un lato i pomodori secchi passati al minipimer (triatutto - se no coltello) e dall'altra le zucchine fatte intiepidire (non deve esserci liquido). Dividete la pasta con il coltello o una rotella per pizza in strisce da 4-5 cm e a loro volta dividerle a metà
nel senso opposto. Arrotolatele striscioline con il ripieno. I rotoli più cicciotti teneteli per la base e il tronco. Potete usare anche de carciofini o delle olive per decorare.
Informate per 20 minuti a 180° et voilà!!!

BUON 2014 e bon cenone!!!
Il mio menù per il momento è un segreto.. i miei ospiti leggono il blog .. ehehehe 

domenica 29 dicembre 2013

Pappa alla zucca e prosciutto cotto (baby+6mesi)


Per il mio bellissimo bimbo di 9 mesi (..modestamente) sto sperimentando diverse ricettine a seconda delle verdure e degli ingredienti che ho a disposizione. Mi sono resa conto che gli omogeneizzati sono utili fuori casa.. ma hanno sapori falsati e vorrei che il mio piccolo amasse il cibo per quello che è in realtà. Un'altra constatazione è quella che se mangia solo brodo vegetale per 3 anni... lo odierà e non conoscerà il sapore delle singole verdure. Come dicevo in un'altra ricetta.. il 2013 è l'anno della zucca.. nel senso che ce ne sono in abbondanza e di grande qualità. 


Ingredienti

200gr di zucca pulita e cotta (vedi QUI)
50gr di prosciutto cotto alta qualità
20gr di parmigiano (possibilmente 30 mesi)
1 cucchiaino di olio extravergine (possibilmente novello)
2 cucchiai rasi di farina di cereali (riso o mais e tapioca) oppure pastina per bambini


Mettere nel tritatutto (o anche il minipimer ad immersione) la zucca cotta a pezzettoni e il prosciutto cotto. Frullare. Riscaldare la purea di zucca e quando bolle metterci la pastina. Oppure riscaldarla (non a bollore) e metterci la farina di cereali e sbattere bene con una forchetta. Aggiungere il parmigiano e olio. Servire al/alla/agli vostri principino/A/I  (spero non più di due per volta...). Vedrete andrà in visibilio.. perché è una pappa dolce, ma equilibrata, nutriente e accattivante a livello cromatico.

venerdì 27 dicembre 2013

Lasagna di zucca, speck e ricotta

Domani è sabato (yeahhh!!!) e oltretutto è l'anno della zucca.. me lo ha detto la mia ortolana al mercatino a km zero della domenica..zucche quante ne vuoi e tutte buonissime!! Io la detestavo, devo essere sincera.. me l'avevano proposta al brodo con la pastina.. bhhh..e invece vi posso garantire che è una vera delizia!!

Ingredienti per una teglia da circa 40 cm (6 persone)

1kg di zucca pulita
2 ricotte vaccine fresche
200gr di parmigiano grattugiato
1 etto di speck affettato fresco
2 mozzarelle vaccine (o meglio la scamorza affumicata)
olio extravergine, sale e pepe
20 sfoglie di pasta per lasagna tirate sottili (oppure confezioni già pronte ma fresche)

Cuocere la zucca e far i che si asciughi. Tre sono i sistemi a mio parere:
1) quello che preferisco: cottura a vapore con il cestellino nella pentola a pressione 30 minuti;
2) al forno, a pezzi e ciascuno avvolto nella carta forno dopo essere stato appena salato;
3) al microonde 10-15 minuti nel cestello a vapore per microonde

Una volta cotta la zucca versarla in una ciotola e lasciarla raffreddare, frullarla con il minipimer a immersione (o anche una forchetta) e aggiungere la ricotta privata di liquido in eccesso) parmigiano, sale e pepe (io per questa preparazione preferisco il nero).

Oliare una teglia e fare gli strati con le sfoglie di pasta e la crema di ricotta e zucca pasta. Fare uno strato intermedio con tutto l'etto di speck e mozzarella o scamorza. Fare un ultimo strato con la crema e il parmigiano e passarci un filo d'olio.

Infornare a 180° fino a doratura.
E' una vera bontà!!! Buon appetito!!!






giovedì 26 dicembre 2013

Pancake cioccococco alla ricotta

La mattina delle domeniche speciali o della vigilia.. ma anche i giorni dopo Natale.. mi alzo un po' prima del mio maritino e gli preparo o i waffles oppure questi pancake cioccococco.. secondo una sua specifica richiesta.

Ingredienti: 
  
200 gr di ricotta
un bicchiere di latte
2 uova
20gr di farina di cocco
2 cucchiai di cacao amaro setacciato
1 cucchiaino di lievi
80gr di zucchero semolato
200 gr di farina 00to vanigliato setacciato
1 pizzico di sale

Lavorare i tuorli con lo zucchero e la ricotta, aggiungere la farina di cocco, un pizzico di sale. Aggiungere setacciando il cacao, la farina 00 e il latte, alternandoli e facendo si che l'impasto sia una crema.  Aggiungere il lievito e incorporare delicatamente gli albumi montati a neve mescolando con una leccapentole dall'alto verso il basso.
Scaldare una padella antiaderente, spalmare un po' di burro (non usare l'olio.. pessima idea!!!!) e asciugare l'eccesso con un tovagliolo. Versare nella padella due cucchiai abbondanti di impasto, lasciando un po' di spazio tra un pancake e l'altro, e rigirarli cuocendoli un minuto per lato.
Abbinare a questi pancakes del cioccolato fondente fuso o della frutta fresca. Personalmente.. altro che sciroppo d'acero non c'è niente di meglio del miele di castagno ITALIANO.

martedì 24 dicembre 2013

Biscottini al burro

Regalino dell'ultimo minuto: Biscottini biscottini biscottini, che Natale è senza biscottini?? 
Impacchettateli, inscatolateli, fate una busta con la carta regalo o con dei tovaglioli di stoffa che non usate più.. e avete il pensierino pronto.. un'oretta o poco più e sono pronti.. adesso concentratevi....e pensate se avete fatto doni a tutti i vostri cari.. ecccoloooo quello che mancaa...via ad impastare!
Personalmente li preferisco a pandori e panettoni anche.. se i danni alla linea sono i medesimi. Questa è la ricetta preferita di mio cognato Paolo, che tanto mi ha rotto l'anno scorso che non glieli avevo fatti .. o meglio non così..non trovavo più la ricetta.. una ricetta trovata qua e la nel web.. ma rimaneggiata a gusto mio.. perchè non amo i dolci troppo dolci e grassi.. nonostante il burro ne faccia da padrone... poi per far si che la grana dell'impasto sia accattivante è il caso di frullare bene lo zucchero.. quasi a velo..e dopo aver impastato questi biscottini non avrete bisogno di mettervi la crema per le mani contro il freddo.. giuro!



Ingredienti

1 kg di farina 00
300 g di zucchero frullato quasi a velo, 
550 g di burro freddo (di meno non si può)
2 uova intere
1 pizzico di sale (sciolto con pochissimo burro - se no non i amalgama bene)
1 bustina di vanillina o i semi di 1 bacca di vaniglia


Riunite tutti gli ingredienti nella planetaria o in una ciotola o su una spianatoia (come preferite lavorare). Impastate gli ingredienti con la foglia (nel caso della planetaria) e a mano riscaldando il burro con le mani al fine di ammorbidirlo. Smettere di impastare quando gli ingredienti saranno ben amalgamati dando forma ad un impasto sbriciolato. Non andare oltre se no l'impasto si riscalda troppo e va fatto riposare in frigo per assestarsi. L'ideale sarebbe avere almeno 30 minuti per farlo riposare comunque in frigo nella pellicola trasparente. 
Nel caso l'impasto sia ben consistente e non abbiate tempo stendetelo dello spessore che preferite (a me piacciono ciccioni - 1 cm) e con le formine sbizzaritevi. Fatevi aiutare dai piccoli..e dai grandi... li terrete impegnati :-D

Infornate a 180°C per 20/25 minuti, in forno ventilato. Lasciateli chiari sono più belli.. il mio forno mi sta lasciando non cuoce in modo omogeneo e si vede..

Variante veloce: se avete degli stampini di scale diverse fate i biscotti ripieni.. io ci ho messo la marmellata all'arancia.. buooonaaaa!!!


Ps: Nella busta regalo ci ho messo anche le coccopallette




lunedì 23 dicembre 2013

Stella di pane di Sara Papa

Estimatrice di Sara Papa, sono letteralmente impazzita quando ha proposto questa ricetta, una treccia di pane a forma di stella per decorare la tavola di Natale. In realtà è una ricetta che ho fatto l'anno scorso.. incredibile la gravidanza che energie ti può donare o levare...sta di fatto che succede un miracolo interiore e ricordo di aver usato il lievito madre.. che per l'appunto era uscito strepitoso.. quest'anno l'ho buttato due volte.. si è ammuffito...sigh!

 

La ricetta originale la trovate QUI. La sostituzione del lievito compresso con quello madre impone una dose di lievito madre che sia 400gr su 1kg di farina, per cui ricordo di aver dovuto calibrare bene le consistenze e i liquidi per ottenere un impasto morbido, omogeneo e asciutto e sopratutto elastico.. per questo misi tutto in planetaria e incordai (facendolo lavorare almeno una 20 di minuti a velocità sostenuta). E' un impasto dorato perchè è fatto con la semola di grano duro.. bellissimoo.. Ne feci due e le regalai una a mia madre e una a mia suocera. Provateci, In giornata sicuramente con il lievito di birra si può fare (con il lievito madre ci vuole una lunga lievitazione e sopratutto ci vuole il lievito madre..). L'intrecciatura, se seguite con attenzione, non è poi così difficile.. se ci sono riuscita io ;-) ehehe!

Susamielli di Natale

I susamielli sono una ricetta di Natale tipica di Gaeta, residenza della famiglia di origine di mio marito. Il segreto è custodito gelosamente e per ottenere questo risultato ho dovuto cimentarmi con pochi elementi, osservazioni e assaggi. I susamielli hanno la forma della lettera S e la loro origine è molta antica, si regalano insieme ai roccocò gaetani (una ricetta leggermente diversa da quella napoletana) e ricordano tempi in cui lo zucchero era un lusso e il miele era l'unico dolcificante alla portata di tutti.
Il risultato è stato fortunatamente discreto.


 Ingredienti: 

1000 gr di farina 00
800 gr di miele di arancia
100 gr di miele di castagno (mio gusto personale)
100 gr di zucchero semolato 
8 gr di cannella in polvere 
1 pizzico di sale
buccia di due arance tritata finemente
100 g di mandorle con la pelle per la guarnizione
10gr di ammoniaca per dolci (farmacia)

Sciogliere il miele, lo zucchero e il sale a fuoco lento e portare a leggero bollore poi spegnere  e far intiepidire (non girare con cucchiai di ferro, meglio usare spatole di silicone). Versare la farina sul tavola a cerchio aggiungere il miele intiepidito, la cannella, la buccia delle arance e solo alla fine l'ammoniaca. Aiutarsi con un cucchiaio prima e con le mani poi, amalgamando tutti gli ingredienti. Lavorare rapidamente. fare dei pesetti e assottigliarli tra i palmi delle mani per fare dei piccoli salamini a cui dare la forma della lettera S. Disporre su una teglia con carta da forno e posizionare al centro la mandorla. Cuocere per circa 15 minuti alla temperatura di 170°. Stare attenti alla cottura è importante che rimangano chiari. Una volta estratti dal forno lasciarli raffreddare senza sovrapporli, sono ancora morbidi e gli zuccheri potrebbero incollare o sformare i biscotti. BUON NATALE!!!!

 



sabato 21 dicembre 2013

Coccopallette

Queste buonissime palline sono una vera delizia e sono facilissimi da fare!! 
Li ho impacchettati e regalati per Natale, ma mio marito mi ha chiesto una fornitura per tutto l'anno.. ovviamente gli voglio bene e .. diciamo che a tutto c'è una misura.. ehhh..

 

Ingredienti:

170 gr farina di cocco
170 gr zucchero
50 gr farina 00
2 uova intere
5 gocce di aroma al cocco
3 gocce di aroma alla vaniglia (o meglio 1/2 bacca di vaniglia )
1 pizzico di sale

Preriscaldare il forno a 160°. Inserire tutti gli ingredienti in una ciotola e amalgamare bene con una forchetta. Volendo si può usare il robot da cucina o la planetaria.. ma non è strettamente necessario. L'impasto rimarrà sempre morbido e un po appiccicoso. Formare delle palline di media grandezza e mettere nella teglia. Infornare per 10 minuti circa. Sfornare e lasciar raffreddare. Volendo possono essere messi in forno all'interno di pirottini, ma bisogna considerare che aumentano leggermente di volume.

venerdì 20 dicembre 2013

Rose di zucchero

ZOLLETTE ALLA ROSA ROSA 

Sembra un gioco di parole, ma in realtà è un gioco fare queste meravigliose zollette che possono aromatizzare alla rosa un tè, una camomilla o una tisana leggera. Sono un piccolo dono per una cara amica che ci viene a trovare o a cui facciamo visita o un pensierino per la nonna da far fare ai più piccini. Insomma un piccolo lusso che si trova solo nelle drogherie di lusso e nelle botteghe di luxury food. Ci vuole un pizzico di concentrazione e in questo caso l'acqua o l'aroma di rosa che io ho comprato su un sito specializzato in prodotti per la pasticceria e la panificazione (credo che a Roma si trovi in qualche Castroni).


L'idea è stata postata di recente da Paola nel suo blog: nastro di raso con aromatizzazioni alla cannella e al cacao. Ho fatto qualche personalizzazione per adattarla al mio caso..come usare il microonde e frullare lo zucchero semolato per renderlo più fine e far si che le venature dello stampo fossero più definite




Ingredienti: 

- 200gr di zucchero semolato extrafine 
- 1cucchiaio di essenza di rosa
- 3 gocce di aroma alla vaniglia (per profumare maggiormente) 
- colorante rosso

in una ciotolina ho messo il cucchiaio di aroma di rosa ho stemperato uno stuzzicadente a cui ho sporcato al punta di colore rosso per dolci e alimenti. 

Ho frullato lo zucchero e vi ho aggiunto l'aroma colorato. Ho girato accuratamente con una forchetta per distribuire l'aroma ad ogni singolo granello di zucchero (ATTENZIONE: lo zucchero deve essere solo inumidito!!! Se no si scioglie e il risultato sarà troppo fragile.





Ho distribuito lo zucchero nello stampino di silicone per cioccolatini a forma di rosa e l'ho messo in microonde (controllare se il vostro stampino va in microonde se no lasciar asciugare in un luogo caldo e asciutto a temperatura ambiente) per 45 secondi a 600-800W: Estrarre lo stampo dal forno e lasciar raffreddare. Una volta fredde e dure le rose sono pronte per essere gustate nel thè.



*CON QUESTA RICETTINA PARTECIPO AL CONTEST:* 
*"Regalami un dono goloso"*

Powered by BannerFans.com




giovedì 14 novembre 2013

Brownies alle mandorle

I brownies, è uno dei "pasticcini" americani più famosi. Nascono come una torta che poi viene tagliata a quadrotti. Sembra una ricetta banalmente comune... ormai... la cucina americana è estremamente diffusa, ma per trovare la ricetta giusta non è stato facile e comunque ci ho dovuto mettere mano. 

Il brownie deve appiccicare il cioccolato al palato ... una goduria all'ennesima potenza...con l'aggiunta della farina di mandorle e delle mandorle pelate ha un gusto più sofisticato. 

I brownies li potete tranquillamente preparare in anticipo per servirli al momento più opportuno....e non ci vuole più di un'oretta, tutto compreso!
...ahimè la mia dieta è costantemente sotto attacco...

Ingredienti:

130 g di cioccolato al 50% o al 70% di cacao
80 g di burro
130 g di zucchero semolato
1 cucchiaino di vaniglia o una bustina di vanillina, 
2 uova intere
60 g di farina 00, 
40 gr di farina di mandorle 
1 pizzico di sale

Preparazione: 

Scaldate il forno a 180°C ed imburrate ed infarinate uno stampo quadrato di 16 cm per lato circa.
Sciogliete il cioccolato insieme al burro a fuoco basso o nel microonde (con 2-3 cicli da 30 secondi e girando dopo ognuno). Mescolate fino ad ottenere un composto lucido e lasciate raffreddare.
Incorporate lo zucchero e la vaniglia (o la vanilina), le uova intere (uno per volta) e poi le farine. La farina 00 va setacciata. Versare tutto nello stampo con la base di carta forno e i lati imburrati e  infarinati. Aggiungere le mandorle pelate (non tostate) e infornare 10 minuti a 180° e altri 15 minuti a 160°.
Una volta finito il tempo, lasciar raffreddare e poi togliere dallo stampo e dividerlo in quadrotti. Servirli spolverati di zucchero a velo ;9 slurp!





mercoledì 11 settembre 2013

Piantine Marshmallow come centrotavola

MARSHMALLOW CHE "FIORISCONO"


Sempre in occasione del battesimo del mio cucciolo Massimo ho realizzato (su ispirazione di una composizione floreale vista sul programma "Silvia dei Fiori" una piantina di marshmallow che ha sostituito il centrotavola del pranzo del battesimo al momento della torta e dei dolcetti. Adoro i marshmallow anche se sono puro veleno per me...comunque!...nella composizione floreale le caramelle gommose venivano attaccate con la colla a caldo.. io ho pensato che forse poteva essere meglio attaccare i marsh con degli stuzzicadenti e permettere ai commensali di mangiare le caramelle una volta a tavola..ehhhh.. giuro che ne ho mangiati solo 2.. o 3...sigh...

La base è un vasetto di terracotta diametro 12 cm sormontato da una sfera di polistirolo della medesima dimensione e incollato con una colla apposita per il polistirolo (credo vada bene anche il vinavil).
Con un'amica abbiamo pensato di riciclare le piantine svuotate per riutilizzarle in occasione del Natale... vedremo cosa di possiamo inventare... :-D

n.B. foto made by Roby Pirro

Confetti decorati con pasta di zucchero




Questi confetti li ho preparati in occasione del battesimo del mio stupendo tesoro!! Li ho assemblati usando come base dei confetti di ottima qualità "rispo" e "buratti" e li ho coperti con della pasta di zucchero che ho colorato con dei coloranti alimentari in gel. Ho usato diversi stampini molto piccoli e ho attaccato il tutto con della "colla" fatta sciogliendo della pasta di zucchero bianca in acqua. Sono carinissimi?? Li ho serviti in cestini fatti al volo con un pirottino da cupcake e dei veli da bomboniera..


      



 

mercoledì 12 giugno 2013

Arista in pentola a pressione con contorno di patate


Quando torno a casa tardi e magari ho invitato al volo amici o parenti senza pensare a cosa effettivamente posso offrire come cena.. questa è la mia salvezza!!! Un arrostino semplicissimo e veloce ... basta superare l'insensata paura che si ha della pentola a pressione... Ahimè conosco davvero tante persone che la temono. Di solito l'arista è già tagliata e messa in rete e la compro d'inverno e d'estate per farne scorta in freezer.  Il tempo? all'incirca di una doccia o di un aperitivo.. ;)

Ingredienti

una bella arista di maiale (600-1.2kg)

cipolla, sedano, carota e una patata
1 foglia di alloro, rosmarino e timo
qualche bacca di ginepro (se ce l'avete)
1 bicchiere di vino (meglio rosso e di buona qualità)
sale, pepe, olio
patate e cipolle per il contorno

Far scaldare 3 cucchiai d'olio sul fondo della pentola a pressione e mettere a rosolare il pezzo di arista. Avere un po di pazienza, è fondamentale! Rosolare ogni lato e per ciascuno mettere sale, pepe, rosmarino e timo tritato. Siate scrupolosi e fate dorare bene ogni lato, sarà buonissima. Aggiungete cipolla, sedano e carota ben lavati a pezzettoni, le bacche di ginepro e l'alloro e finite di rosolare la carne e le verdure per una paio di minuti a fuoco moderato. Rialzate la fiamma e aggiungete il vino per farlo evaporare (provate anche il marsala è buonissimo!!). Aggiungete 1/2 bicchiere d'acqua (se l'arista è congelata non mettete acqua in più).

Chiudete il coperchio ben allineato alle maniglie della pentola. 
Aspettare almeno 25 minuti. A seconda della grandezza del pezzo aggiungere 5-10-15 minuti in più.. oppure dopo 30 minuti chiudere scoperchiare e mettere la carne su un tagliere, aspettare che si raffredda qualche minuto e poi affettarlo. Se al centro è rosa frullate il fondo di cottura (che sarà compatto per via della patata) e rimettere sul fuoco delicatamente qualche altro minuto. 
Altrimenti servire su di un piatto da portata.
Le patate di contorno le ho fatte in padella. Usando la mia padella preferita, una salta pasta.. una specie di wok all'italiana insieme alle cipolle, condendo con sale pepe e rosmarino. Le patate ci hanno messo meno dell'arrosto perché hanno cotto 15 minuti con il coperchio e poi senza per altri 5 minuti. E' sconvolgente la faccia delle persone che ti chiedono ogni volta.. ma che l'hai comprato?? Non ti ho vista uscire.... ^^